divendres, 28 de juny de 2013

CRONACHE DALL'INFERNO



L’allegria nel paese dove regna la

procura una strana cecità nei suoi cittadini.

Mentre cadono le scintille

dai fuochi d’artificio il pensiero critico va in esilio,

e i predicatori laici

smettono di scrivere sermoni della ragione

e adesso riescono soltanto a gridare dal pulpito dei mass media

il playback del discorso dominante

fornito dalle agenzie del potere.

I sorrisi e le risate della gente

in mezzo all'orgia della superficialità

sono la smorfia apatica

di una comunità insensibile che ha permesso

che i ladri facciano il loro covo nei palazzi del governo.

Scrivi per il silenzio, pensando a un tempo

in cui ci sia tornata la speranza.

Scrivi la cronaca di un carnevale di spropositi

dall'inferno che abiti.

****
Traduzione in italiano Antoni Rovira. Poema de Manel Alonso i Català.